La Native American Scenic Bayway, che si estende per 720 km dal sud al nord del South Dakota attraversa cinque riserve native indiane e territori tribali: Standing Rock, Cheyenne River, Lower Brule, Crow Creek e Yankton, entrando direttamente nel cuore della Great Sioux Nation per una spettacolare esperienza nella storia e nella cultura tribale. Lungo la strada sono indicati memoriali, insegne interpretative e monumenti che commemorano la tradizioni dei Lakota e Dakota, mostrando i vari punti di vista sulla storia dei nativi d’America e dei primi pionieri.

La partenza è dal versante meridionale del South Dakota, Chamberlain, e per avvicinarsi subito alla cultura Nativa è consigliabile visitarne l’Akta Lakota Museum and Cultural Center, presso la St. Joseph’s Indian School for Native American Youth, dedicato alla conservazione e alla divulgazione della cultura Sioux del passato e del presente.
A 30 km la Crow Creek Indian Reservation, riserva della tribù Mdewakanton -People of Spirit Lake- e Ihanktonwan -People of the End-; proseguendo si incontra la Lower Brule Indian Reservation, dove vive la tribù dei Lower Brule Sioux lungo le sponde sud occidentali del Big Bend del Missouri River. Da visitare Lake Sharpe e la diga Big Bend Dam.
Nella capitale del South Dakota, Pierre, da non perdere il tour del Cultural Heritage Center che illustra la storia dello Stato, mentre una grande mostra racconta quella della Great Sioux Nation.
A 5 km, Fischer’s Lily Park è il luogo storico che commemora l’incontro tra i Teton Sioux e Lewis & Clark, nei cui pressi tennero il primo consiglio; si prosegue verso la Eagle Butte e Cheyenne River Suoix Indian Resrevation, la ricostruzione in dimensione originale di Fort Manuel affacciato sul Missouri River, e Fort Yates Stockade, l’unico edificio rimasto intatto dalla postazione militare risalente al 1874, che consente di provare l’esperienza della vita nella prateria.
Il finale è sulle colline a nord della Standing Rock Scenic Byway nel North Dakota, leggendario luogo di riposo dei primi nativi locali, la tribù dei Mandan.